HOTEL – installazione, 2018

  • matita su legno, fotografia, tessuto, cartoncino, acquarello, passpartout, argilla polimerica
  • 170 x 200 x 20 cm

Ai lati della Cattedrale di San Nicolo’ a Noto in Sicilia due piazze ospitano semicerchi di ficus che a loro volta sono casa per la notte a stormi di passeriformi che cercano un rifugio caldo. Perché non in aperta campagna ma tra i pericoli e i disturbi dell’abitare umano? Perché in città fa più caldo di un paio di gradi.
La mia ricerca è partita da questo caso di sinantropia rumorosa (il cinguettio a tardo pomeriggio in piazza è fortissimo) per aprirsi ad altri esempi di flora e di fauna che coinvolgono il Val di Noto e soprattutto la Riserva Naturale Orientata di Vendicari anch’essa ambiente in parte antropizzato in quanto ospitava una volta le saline utili alla Tonnara li a due passi.
La questione sinantropica apre discorsi diversi e urgenti che includono problematiche legate anche ai cambiamenti climatici.
Cercando di capire quali sono le ragioni per cui gli animali si spostano, cambiano i propri comportamenti o addirittura si estinguono si aprono alcune domande che riguardano il nostro senso di responsabilità ecologica.
L’installazione e stata realizzata durante la residenza fully_grounding 2018, curata da Brideg Art, entrando a far parte della collezione Tenuta La Favola.
La ricerca vanta l’aiuto di Renzo Ientile, ornitologo e ricercatore dell’Universita’ di Catania, Filadelfo Brogna, dirigente dell’Azienda Regionale Foreste Demaniali e direttore dell Riserva Orientata di Vendicari, e di Fabio Morreale, botanico.