DENTE DI LEONE – stampa, 2016

  • Fine-Art Print
  • 45 x 90 cm
  • Ed.5 + AP
In occasione della mostra San Felice curata dall’Associazione 22:37 alcuni operatori (Luís Miguel De Matos, Milica Gacevic, Francesca Sartore) della cooperativa Città Solidale di Vicenza hanno deciso di lanciare un sondaggio aperto al pubblico riguardo al rapporto tra i media e le persone con disabilità. La cooperativa accoglie attualmente 60 utenti e di questi ne hanno partecipato al sondaggio 14. Le persone coinvolte nel sondaggio pubblico invece sono state 66.

Le domande poste, per la maggior parte a risposta chiusa, sono state:
1. Secondo te, le persone che non riescono a parlare devono essere assistite nel comunicare?
2. Cosa pensi della comunicazione di una persona che non parla ma riesce a comunicare con l’aiuto di un assistente?
3.Secondo te è meglio che la persona sia aiutata sempre dalla stessa o da persone diverse?
4. La persona che assiste deve essere l’interprete?
5. Pensi sia importante che l’interprete conosca bene la pratica di assistenza?
6. Cosa pensi di persone con disabilità come artisti/e?
7. Cosa pensi di persone con disabilità come modelli/e che partecipano a sfilate di moda?
8. Cosa pensi di persone con disabilità come atleti/e professionisti/e?
9.Secondo te perché si chiamano le persone con disabilità “ragazzi”?
10. Commenti, domande e suggerimenti:

Il lavoro descrive le diverse narrazioni nelle disparità e nelle congruenze. Le risposte sono raccolte in modo anonimo e disegnate in diagrammi con la forma del fiore della pianta del tarassico oppure detto dente di leone; nel tentativo di raccontare fragilità e forza. Quello sui toni del giallo corrisponde alle risposte dei 14 utenti in segno di trasparenza e quello arcobaleno delle altre 66 persone. A tutti va un sincero ringraziamento.